Donazione

La donazione è l’atto con cui si trasferisce, a titolo gratuito ad un’altra persona o ente un immobile, una somma di denaro, titoli, azioni, obbligazioni etc.
La donazione deve essere fatta per atto pubblico con atto notarile; la donazione fatta, a mero titolo di esempio con il semplice trasferimento di somme da un conto ad un altro conto o con la cointestazione di un conto, non è valida.
La legge ammette donazioni “brevi manu” solo di modico valore, per festività, compleanni etc.
La donazione è l’atto più usato per il passaggio generazionale di beni ed aziende a figli e nipoti.

- Donazione con riserva di usufrutto

Nella donazione con riserva di usufrutto il donante si riserva l’usufrutto vita natural durante del bene che intende donare; se si tratta di bene immobile, il diritto di abitarlo o di concederlo in locazione, se il bene è denaro o titoli, il diritto di percepire gli interessi e/o dividendi.
Il donatario in tal caso riceve la nuda proprietà dei beni donati, essendo riservato al donante l’usufrutto di tali beni.
Esiste un immediato vantaggio fiscale nella donazione con riserva di usufrutto: le imposte, se dovute, si pagano solo sul valore della nuda proprietà che è calcolato in base a tabelle ministeriali in base all’età dell’usufruttuario, ad esempio nel caso di donazione da parte di una persona di 70 anni, con riserva di usufrutto, l’imponibile, cioè il valore della donazione è decurtato di una percentuale del 40%.
Altro vantaggio fiscale: il valore degli immobili è calcolato sull’attuale valore catastale, senza possibilità di rivalutazione.
Successivamente alla morte del donante avviene la riunione dell’usufrutto alla nuda proprietà automaticamente senza alcuna dichiarazione fiscale, né pagamento di imposte: per gli immobili è sufficiente presentare al Catasto il certificato di morte e chiedere la cancellazione dell’usufruttuario dal certificato catastale con un costo fiscale di Euro 35.

- Donazione con onere e/o condizione di riversibilità e/o con riserva di disporre di cose determinate o di una determinata somma

La donazione può essere gravata da un onere, per esempio il mantenimento del donatario in caso di malattia e/o inabilità e/o una rendita a favore del donatario. In ogni caso l’onere non può essere superiore al valore della cosa donata.
La donazione può anche essere fatta sotto la condizione di riversibilità, sia per il caso di premorienza del donatario e dei suoi discendenti: il patto di riversibilità produce l’effetto, in caso di premorienza del donatario, di risolvere la donazione e far ritornare i beni donati al donante, liberi da ogni peso o ipoteca.

Nella donazione il donante può altresì riservarsi la facoltà di disporre di qualche oggetto compreso nella donazione o di una determinata somma sui beni donati. Tale facoltà non può essere esercitata dagli eredi nel caso in cui il donante muoia senza averne disposto.

- Fiscalità della Donazione

La fiscalità è commisurata al rapporto di parentela con i donatari su una base imponibile, in caso di beni immobili, pari alla Rendita catastale moltiplicata per i coefficienti di Legge: x 115,5 per la prima casa, x 126 per la seconda casa.
Si ottiene così un valore fiscale che corrisponde alla piena proprietà; tale valore può essere decurtato del valore dell’usufrutto in caso di donazione della nuda proprietà con riserva di usufrutto secondo le seguenti percentuali commisurate all’età dell’usufruttuario:

  • Età usufruttuario da 0 a 20 anni  |  Valore Usufrutto 95%
  • Età usufruttuario da 21 a 30 anni  |  Valore Usufrutto 90%
  • Età usufruttuario da 31 a 40 anni  |  Valore Usufrutto 85%
  • Età usufruttuario da 41 a 45 anni  |  Valore Usufrutto 80%
  • Età usufruttuario da 46 a 50 anni  |  Valore Usufrutto 75%
  • Età usufruttuario da 51 a 53 anni  |  Valore Usufrutto 70%
  • Età usufruttuario da 54 a 56 anni  |  Valore Usufrutto 65%
  • Età usufruttuario da 57 a 60 anni  |  Valore Usufrutto 60%
  • Età usufruttuario da 61 a 63 anni  |  Valore Usufrutto 55%
  • Età usufruttuario da 64 a 66 anni  |  Valore Usufrutto 50%
  • Età usufruttuario da 67 a 69 anni  |  Valore Usufrutto 45%
  • Età usufruttuario da 70 a 72 anni  |  Valore Usufrutto 40%
  • Età usufruttuario da 73 a 75 anni  |  Valore Usufrutto 35%
  • Età usufruttuario da 76 a 78 anni  |  Valore Usufrutto 30%
  • Età usufruttuario da 79 a 82 anni  |  Valore Usufrutto 25%
  • Età usufruttuario da 83 a 86 anni  |  Valore Usufrutto 20%
  • Età usufruttuario da 87 a 92 anni  |  Valore Usufrutto 15%
  • Età usufruttuario da 93 a 99 anni  |  Valore Usufrutto 10%

Oltre all’imposta di donazione sono dovute per i beni immobili le imposte ipotecarie e catastali nella misura del 2% e dell’1%, rispettivamente; se si tratta di abitazione, prima casa per il donatario è dovuta solo l’imposta fissa di Euro 200,00 per ogni imposta.
L’imposta di donazione è così stabilita:

  1. per i donatari in linea retta (genitori, figli, nipoti) e per il coniuge c’è una quota esente da imposta fino a 1.000.000,00 (unmilione) di Euro per ciascun donatario; la parte che supera tale limite paga l’aliquota del 4%.
  2. I donatari in linea collaterale, fratelli e sorelle, hanno una quota esente da imposta fino a 100.000,00 (centomila) Euro, oltre pagano il 6%.
  3. I donatari parenti in linea collaterale fino al quarto grado pagano il 6% di imposta senza quote esenti.
  4. I donatari parenti oltre il quarto grado e gli estranei pagano un’imposta dell’8%, senza quote esenti.
    Per un esatto conteggio richiedere il preventivo fornendo i dati catastali, rapporto di parentela, età donante in caso di riserva di usufrutto e/o valore beni mobili – attività oggetto di donazione.

Copyright © 2020

Media Service Italia

SEO Torino & Web Design by Media Service Italia. Hosted by Media Hosting Italia